Atlante di ecologia umana e dei suoni della Lomellina

con Nessun commento

ATLANTE DI ECOLOGIA UMANA E DEI SUONI DELLA LOMELLINA

Sabato 26 febbraio 2011

Palazzo Strada – Ferrera Erbognone

Il compito dei ricercatori è stato arduo. Sia per la quantità di dati da recuperare sia per la distribuzione geografica: più di quaranta comuni sparsi sul territorio lomellino.

Gli strumenti utilizzati vanno dalla distribuzione di questionari tematici all’inquadramento e calendarizzazione delle attività svolte nei vari comuni, dalla rilevazione territoriale e cartografica alla scoperta delle risorse intellettuali.

La raccolta di tutte le informazioni desunte dai questionari distribuiti presso i comuni e da tutte le altre azioni, interviste e cartografie comprese, ha fotografato : – La dimensione socio-demografica del territorio attraverso informazioni di prima mano sulla popolazione residente, le classi di età, gli indici di struttura, i movimenti anagrafici, la popolazione straniera residente e così via.

La dimensione delle dinamiche sociali ha fornito dati sul sistema scolastico, sull’associazionismo e il volontariato, sulle emergenze minorili e giovanili.

La dimensione economica ha preso in considerazione il numero di unità locali di impresa per settore, il numero di addetti, la mappatura delle eccellenze artigiane, l’inventario delle filiere.

E’ stata attivata una raccolta di informazioni relativa anche al:

Settore turistico che ha monitorato la presenza di attività ricettive, la presenza e permanenza di turisti divisi per nazionalità, periodo e gradimento dei soggiorni nonché la dimensione economica dell’intero comparto.

La dimensione ambiente e territorio ha fornito un’immagine reale dell’uso del suolo, della superficie agricola e dei suoi vari utilizzi, delle coperture boschive, delle aree protette e di quelle a rischio idrogeologico.

E’ stata stilata una carta delle risorse paesaggistico-ambientali nonché una mappa dei sentieri e dei percorsi ciclo-pedonali.

Infine la dimensione culturale ha permesso di evidenziare le cosiddette risorse sceniche , l’immagine che gli abitanti si fanno dei territori in cui abitano e le risorse intellettuali , narrative, filosofiche e tecniche, in sostanza non solo un quadro abbastanza completo di ciò che gli abitanti pensano del proprio territorio ma anche di ciò che si aspettano o temono che diventi in futuro.

”Una ricerca – ha spiegato il prof. Dipak R. Pant , direttore dell’unità di studi interdisciplinari per l’economia sostenibile presso l’Università LIUC di Castellanza – che servirà come strumento indispensabile a tutti coloro che vorranno esercitare, almeno per i prossimi venticinque anni, le future progettualità sul territorio lomellino”.

La seconda parte del progetto , anch’essa ultimata con la collaborazione dell’Associazione Tracce di Territorio e coordinata dal prof. Gianni Pavan, direttore del Centro interdisciplinare di bioacustica e ricerche ambientali dell’Università degli studi di Pavia, è costituito da un lavoro di campionamento sonoro sia degli ambienti naturali, con tutte le specie presenti, che delle realtà tradizionali (rumori derivanti dal lavoro dei campi, suoni delle campane, rumori delle macchine agricole).

“Si è così realizzata – spiega Pavan – una raccolta di suoni e rumori rappresentativa delle realtà locali, anche se non ancora esaustiva”.

Nella sede di Ferrera Erbognone dell’Ecomuseo verrà attrezzato un laboratorio sui paesaggi sonori della Lomellina, con tabelloni informativi e una presentazione multimediale che riguarderà i vari ambienti ecologici presenti nell’Ecomuseo, le specie animali, i relativi suoni.

Il laboratorio permetterà a visitatori e studenti di sperimentare gli effetti delle tecniche di registrazione della natura e dell’ambiente antropico.

Sarà inoltre messa a disposizione una strumentazione ad hoc per registrare, durante escursioni in campagna, i suoni delle specie presenti.

Regione Lombardia, Fondazione Banca del Monte di Lombardia ed Eni hanno contribuito alla realizzazione di entrambi i progetti i cui risultati verranno al più presto pubblicati in volume e messi a disposizione della comunità dall’Ecomuseo del paesaggio lomellino.

 

Associazione Tracce di Territorio

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on Pinterest