Relazione del progetto Lomellina ipogea

con Nessun commento

A poco più di un anno dalla costituzione, avvenuta alla fine del 2008, l’Ecomuseo del paesaggio lomellino ha trovato le risorse ideali e concrete per assemblare il progetto La Lomellina ipogea. Cunicoli e passaggi segreti fra castelli, abbazie e cascine: una ricerca inedita e dall’indiscutibile fascino. Per la prima volta la Lomellina ha avuto l’opportunità di far emergere (è proprio il caso di dire) un patrimonio secolare che si articola fra la storia, l’architettura, il paesaggio e l’ambiente: un patrimonio mai studiato prima in modo organico e meticoloso.

Parlare di Lomellina evoca all’istante immagini di quella pianura compresa tra i fiumi Po, Ticino e Sesia ove le risaie si susseguono a perdita d’occhio. La Lomellina, nella conoscenza comune, è una terra che si lascia abbracciare facilmente dallo sguardo di chi la percorre. Le sue campagne si susseguono monotone, bagnate dall’acqua di numerosi canali, rogge, fiumi; punteggiate da cascinali, antiche chiese campestri, affascinanti borghi e quel che resta dei castelli, che, fittissimi, furono costruiti a guardia di un territorio morfologicamente privo di difese naturali. Al dì là di questa descrizione semplice e lineare c’è una realtà più articolata, anzitutto per le complesse ragioni storiche che portarono alla formazione della Lomellina, in secondo luogo perché dietro un’apparente uniformità si celano molteplici e variegate tradizioni e peculiarità locali.

Sotto la superficie c’è dell’altro. È proprio il caso di dirlo. È quest’altro volto che il nostro progetto ha voluto mettere in luce andando a indagare le tante voci e testimonianze relative a una Lomellina ipogea. In quest’area della provincia di Pavia pare, infatti, che ogni castello e pieve possiedano una leggenda di cunicoli sotterranei.

 

Il progetto Lomellina ipogea. Cunicoli e passaggi segreti fra castelli, abbazie e cascine nasce dalla sinergia tra l’Ecomuseo del paesaggio lomellino e Progetti, società cooperativa attiva nell’ambito dello studio, valorizzazione e promozione del patrimonio culturale della provincia di Pavia, inteso nel senso più ampio del termine, come insieme di beni sia materiali, sia immateriali. La peculiare tematica della “Lomellina ipogea”, per cui la bibliografia è scarsissima e le fonti archivistiche pressoché inesistenti, ha indotto l’Ecomuseo e Progetti a condurre un’indagine sul campo, impiegando appunto la metodologia della ricerca orale. Di fatto, il progetto in questione si poneva l’obiettivo di promuovere sia l’eredità materiale del territorio, attraverso la valorizzazione delle emergenze monumentali che i passaggi segreti avrebbero unito, sia le tradizioni orali in cui la memoria di questi leggendari cunicoli sopravvive.

La memoria, tuttavia, non è un oggetto astratto, ma è intimamente legata a chi se ne fa tramite: nel caso specifico, gli abitanti della Lomellina. Sono stati loro i veri protagonisti della ricerca, accettando di buon grado di trasmettere e condividere parte delle ricche tradizioni della loro terra.

La nostra ricerca si è svolta tra i mesi di marzo e giugno 2010; in questo arco temporale ci siamo occupati di contattare gli amministratori dei Comuni aderenti all’Ecomuseo per illustrare il progetto ed effettuare una prima verifica sull’esistenza di leggende o resti materiali relativi all’argomento di interesse; si sono quindi individuati gli interlocutori più adatti. Le amministrazioni locali hanno accolto positivamente l’iniziativa, percependone il valore di progetto condiviso e da costruire insieme. Non sono mancate, tuttavia, perplessità a proposito del fatto che la tradizione dei cunicoli non trova riscontri documentari, ma vive solo nella memoria popolare; il nostro compito è stato far comprendere che proprio la percezione collettiva era uno degli elementi di maggior interesse per questo tipo di indagine.

Alla fine, alcuni degli stessi amministratori si sono proposti come nostri interlocutori, insieme a storici locali, ad appassionati di tradizioni e cultura del territorio e agli anziani dei vari paesi. A tutte le persone incontrate o contattate telefonicamente è stato chiesto se erano al corrente di tradizioni relative all’esistenza di passaggi sotterranei nei loro luoghi di residenza.

 

L’atteggiamento degli intervistati nei confronti dell’argomento della ricerca è stato vario. C’è chi ritiene che le gallerie e i cunicoli lomellini esistano solo nelle leggende popolari; chi si è presentato come testimone oculare e protagonista di esplorazioni ipogee condotte da ragazzino; chi con cognizione di causa e argomentazioni storiche e geomorfiche ha confutato recisamente la possibilità dell’esistenza di passaggi sotterranei. Di sicuro nessuno, né tra i fautori, né tra i detrattori si è mostrato indifferente all’argomento. Soprattutto, è interessante sottolineare la ricorrenza di elementi comuni nelle narrazioni, che divengono così davvero un patrimonio culturale condiviso. Per esempio, in molti racconti si dice di aver appreso dell’esistenza di un passaggio segreto da una persona di fiducia, come il padre, il nonno o un fratello più grande; di aver esplorato da bambini o ragazzi l’imbocco di un cunicolo che dopo pochi metri risultava bloccato a causa di cedimenti del terreno. In altri casi l’esplorazione è stata interrotta dallo spegnimento della lanterna per mancanza di ossigeno. Le esplorazioni si attestano in un periodo compreso all’incirca tra gli anni Trenta del secolo scorso e i decenni successivi alla Seconda guerra mondiale. Oggi quasi nessun imbocco è più visibile perché murato, interrato o celato da nuove costruzioni. Ancora, i tratti esplorati o di cui si è sentito raccontare sono descritti come voltati in mattoni e piuttosto ampi.

 

Parimenti anche nelle testimonianze degli interlocutori più scettici si possono individuare argomentazioni ricorrenti: la natura del terreno e la ricchezza di faglie e rogge renderebbero altamente improbabile, se non impossibile l’esistenza di cunicoli di lunghezza rimarchevole. Vengono dunque fornite ipotesi alternative sulla nascita delle leggende dei diversi passaggi sotterranei, frutto di equivoci come, ad esempio, il rinvenimento di gallerie sotto il pavimento di alcune chiese. Si trattava, in realtà, solamente di sepolcreti limitati al perimetro dell’edificio sacro e non vie di collegamento tra la chiesa e altre costruzioni. All’interno dei castelli è probabile che ci fossero passaggi sotterranei, ma con la sola funzione di collegare il maniero all’esterno, oppure nei pressi di cascine e mulini potevano trovarsi magazzini interrati.

Laddove c’è o c’era in passato un castello, si è radicata la tradizione di uno o più passaggi segreti che lo univano ad altri castelli della zona, a volte distanti anche qualche chilometro o di cunicoli che conducevano a vicini monasteri. Tali strutture parimenti punteggiavano numerose il territorio lomellino a partire dal medioevo. Alcune, come l’importantissima abbazia di Breme, si sono parzialmente conservate, altre, più frequentemente, si sono tramutate nel corso dei secoli in aziende agricole. È il caso della cascina Marza, che ancora conserva un’affascinante chiesetta ipogea del XII secolo. Si racconta che a volte erano i monasteri stessi a essere connessi per via sotterranea tra di loro o con chiese e pievi dei dintorni. Le tradizioni locali sono coinvolgenti, anche se talora non tengono conto del fatto che alcuni dei monumenti che si dice fossero collegati non potevano esserlo per ragioni politiche, in quanto governati da poteri in contrasto tra di loro. È il caso della chiesa di Santa Croce di Palazzo lateranense a Mortara e dell’abbazia di Sant’Albino, che addirittura afferivano a diocesi diverse.

 

Se è possibile intuire da dove si sviluppano le tradizioni relative ai tunnel del sottosuolo lomellino (dai sepolcreti delle chiese e dai sotterranei dei castelli, come quelli ancora ben conservati di Sartirana), è invece difficile tentare tramite le fonti orali una periodizzazione sia dei resti materiali, identificati come imbocchi di sotterranei, sia delle tradizioni relative alla sussistenza dei cunicoli. Possiamo affidarci solo alla datazione, peraltro molto ampia, degli antichi monumenti da cui le gallerie si sarebbero dipartite; possiamo ipotizzare che castelli o monasteri e i loro sotterranei nascessero nello stesso periodo storico e che dalla reale presenza di alcuni passaggi si sviluppassero poi le leggende relative a tutti gli altri.

Pur avendo come punto di partenza di ogni intervista un argomento comune e assai specifico, gli incontri hanno spesso portato alla registrazione di narrazioni di più ampio respiro, relative alla storia dei paesi e alla vita di un tempo. Molti interlocutori hanno dimostrato un vero e proprio piacere della narrazione, a dimostrare come il coinvolgimento della comunità aggiunga un imprescindibile valore sociale a ricerche di questo tipo.

Le tracce audio delle interviste, insieme alle tracce video di alcuni degli interlocutori e all’archivio fotografico scaturito dal lavoro di Stefania Villani, sono conservati nel centro di documentazione dell’Ecomuseo del paesaggio lomellino, a Ferrera Erbognone.

Il Quaderno di ricerca intende presentare, attraverso schede di facile consultazione, i contenuti emersi dall’attività di ricerca in ogni comune. Tale attività potrebbe essere il punto di partenza per la realizzazione di una pubblicazione che contribuisca alla valorizzazione delle numerosissime eccellenze monumentali della Lomellina ma anche delle tradizioni e della cultura locale.

 

La ricerca scientifica, patrocinata dalla Provincia di Pavia, è sfociata nella giornata di comunicazione e diffusione della conoscenza del patrimonio materiale, immateriale e paesaggistico scoperto, svoltasi nel pomeriggio di sabato 2 ottobre. Nella suggestiva cornice del castello di Valeggio, il cui blocco originario risale all’VIII secolo, sono stati presentati i risultati dello studio relativo ai cunicoli e ai passaggi segreti.

A seguire, il pubblico ha avuto l’opportunità di assaggiare “pietanze” della tradizione medievale incentrate sulle ricette originali raccolte dall’agronomo Luca Sormani. Inoltre, il castello ha rivissuto un’atmosfera tipica dell’età di mezzo grazie ai figuranti dell’associazione “Laumellum” di Lomello, che vestiti in abiti d’epoca hanno tirato con l’arco e distribuito i “biscotti di Teodolinda”; particolarmente applauditi, poi, i musicisti dell’ensemble “Il Demetrio” specializzato in melodie medievali e rinascimentali.

Per motivi tecnici non è stato possibile allestire la mostra “Lomellina. Il gusto di una storia”, preventivata dal Club di Papillon. Per questo motivo il costo complessivo del progetto è sceso dagli originari € 20.000 a € 19.492,62.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on Pinterest